Posts tagged ‘sjukskoterska’

Mag 16, 2012

Ar du sjuksköterska, ta chansenochkomframätikarriärenJ

År du sjuksköterska, ta chansenochkomframätikarriärenJ: this sentence means: “If you are a nurse, take your chance and come here to build your career” and you can find it everywhere in the city centre of Stockholm. Seen by the point of view of an Italian, it sounds very weird. Here in Sweden the nurse is an important professional role, qualified and for this reason independent. An example: in Sweden to become a nurse you have to attend three years of university and then you can start to work in a surgery or medicine unit. You can even study more years and specialize in ICU nurse, district nurse, stroke nurse, pediatric. Etc. You need an year to specialize and then you can gain more money and be more free. In ICU the auxiliary staff  cleans the patients, controls the vital parameters, gives drugs via sound. The nurse, in the meantime, examines the general condition of the patient, manages the ventilator and some drugs without asking to the doctor.

read more »

Annunci
Mag 15, 2012

“År du sjuksköterska, ta chansenochkomframätikarriärenJ

 

Ebbene sì, questa frase, che tradotta significa “Se sei infermiere, cogli l’occasione e vieni a fare carriera”, la si può trovare in ogni metro del centro di Stoccolma. Vista con gli occhi di un italiano, consapevole di cosa voglia dire essere infermiere al giorno d’oggi in Italia, fa un certo che, diciamo pure che stupisce. Il punto è che qui l’infermiere è considerato una figura professionale di rilievo, competente nel suo campo e per questo indipendente. Tanto per farvi capire.. Il corso di laurea dura tre anni come in Italia e una volta laureati si può iniziare a lavorare in reparti di medicina o chirurgia, ma si può anche decidere di specializzarsi, studiando un altro o più anni, per diventare infermiere di terapia intensiva, district nurse, stroke nurse, infermiere pediatrico, ostetrica, e chi più ne ha più ne metta. L’anno di specializzazione ti permette, detto con franchezza, di guadagnare molti più soldi e di essere sempre più autonomo. In terapia intensiva ad esempio è l’OSS che si dedica all’igiene, controlla i parametri vitali, somministra la terapia per sonda e aspira il paziente quando vuole, mentre l’infermiere, che ha due pazienti, si occupa di valutare il loro stato generale, di cambiare se necessario i valori della ventilazione, di somministrare boli di sedazione e certa terapia endovenosa anche senza consultare il medico. La district nurse invece è un’infermiera che lavora in un distretto, ossia ogni giorno riceve nel suo ufficio personale pazienti di qualsiasi tipo (da diabetici e ipertesi a pazienti con piaghe da decubito o con problemi psico-sociali) prendendo indipendentemente qualsiasi decisione di tipo infermieristico e seguendoli per tutto il periodo necessario. Il paziente da suo canto chiede informazioni rispettando e stimando la figura che ha di fronte, senza dubitare della professionalità di questa e delle decisioni prese e senza mai esigere il parere di un medico.

read more »