Posts tagged ‘tirocinio’

maggio 26, 2011

Studiare infermieristica a Padova: tirocinio tradizionale vs tirocinio normale.

Chiunque  venga interrogato sull’opinione che ha dell’organizzazione del proprio corso di laurea, qualunque esso sia,  avrà sempre da ridire..ma NOI studenti infermieri abbiamo un X FACTOR in più…il tanto temuto, amato e odiato..TIROCINIO!

Tirocinio però in attuale fase di discussione..chi infatti ha iniziato il corso di laurea nel 2008 a Padova si è imbattuto nel tirocinio sperimentale. Ma che vuol dire questa parolona “sperimentale”? Di certo incute una certa paura..ha proprio l’aria di essere un esperimento!

Ma partiamo dal principio: pareva che il vecchio sistema di tirocinio (tirocinio classico) non sfornasse infermieri abbastanza preparati, i quali arrivavano nei reparti completamente spaesati senza sapere nemmeno inserire un CVP a un paziente (almeno così ci dice)…si è deciso per questo di cambiare completamente il sistema in modo da far uscire dal corso dei neolaureati davvero preparati (o perlomeno questo è l’obiettivo). Una sicurezza in più per i tirocinanti stessi , per gli assistiti e per gli altri colleghi di reparto che dovranno spendere meno tempo per la formazione alla nuova risorsa.

read more »

Annunci
maggio 9, 2011

Tutto iniziò da una “I”

Ve lo ricordate il test d’ammissione? Passeggiata per chi aveva già solide basi di chimica, fisica e biologia, un incubo per chi, come me arrivava diretta dalle superiori dopo aver fatto 5 anni di percorso un po’ distante da quello che si stava per intraprendere. Nonostante la preparazione estiva (libri di amici, appunti, note su internet, San Wikipedia e volumi di test prefabbricati) il giorno della prova il buio regnava supremo nel mio cervello. Vuoto cosmico, buco nero. O, se preferite immaginare qualcosa di più carino, quelle palle di rovi che rotolano nei deserti del far west (tipica scena da film per indicare desolazione più assoluta).

Seduta su un gradino di una scala del Paolotti, cercavo di assimilare per contatto le nozioni dalle pagine di un libretto dei test, ma non rimanevo ahimè indifferente ai commenti degli altri centinaia di studenti, che come me, aspettavano di entrare. “tento questo solo per non perdere un anno se non passo medicina” “io ho fatto veterinaria ieri, questo è solo un salva anno”. Perfetto, ero l’unica (forse di quella scala) ad aver messo come prima scelta Infermieristica.

read more »

aprile 4, 2011

Infermiera in Germania- La notte in reparto siamo da sole.

(English version here https://infermierinprogress.wordpress.com/english-version/)

Rebecca è un’ infermiera tedesca che ho conosciuto durante il suo (e il mio) Erasmus a Londra. Incuriosita, le ho chiesto come si diventa infermieri in Germania e, domanda dopo domanda,ne è venuta fuori un’intervista.

1)Come si diventa infermieri in Germania? Che scuole si devono frequentare e per quanti anni?

read more »

marzo 24, 2011

dal terzo anno con amore, grazie.

Ripercorrendo un po’ il percorso di questi tre anni, mi trovo come veneranda studentessa del terzo anno a fare un po’ il punto della situazione. Ricordo un po’ il primo giorno di università, la borsa a tracolla, e la cartina alla mano perché sì, pur essendo padovana non sapevo bene dove fossero le aule.

E il pensiero degli ultimi giorni, vissuti ben consapevoli che sono stati GLI ULTIMI per eccellenza, le condivisioni dei pranzi in mensa, soprattutto alla Forcellini quando c’era da festeggiare e quindi si pensava di meritarsi un pranzo più decente, le risate in aula studio mentre tutti gli altri studenti diligenti ti strafulminavano per averli distratti dal loro libro.

read more »

marzo 24, 2011

Terra in vista-presentazioni:Il tirocinante

Il medico ha lo specializzando, l’avvocato  ha l’apprendista, l’imprenditore ha lo stagista e l’infermiere?

L’infermiere ha il tirocinante.  Tutti ne hanno visto sicuramente uno, non è una razza rara,in via d’estinzione. Questo particolare personaggio è l’ombra dell’infermiere stesso.  A volte la sua controfigura ma il più delle volte il suo fedelissimo assistente. Lo avrete sicuramente visto avvicinarsi a voi con un ago in mano pronto per il suo primo prelievo, e voi un po’ intimorirti avete sperato che non fosse davvero il primo. E poi in un battito di palpebre eccolo fatto, voi con un bel batuffolo di cotone sulla piega del gomito e lui con un sorriso soddisfatto sul viso e le provette piene in mano.

read more »